Siamo quello che mangiamo

Se come ci dicevamo settimana scorsa  è corretto bere nelle giuste quantità per avere un intestino ed un corpo che funziona bene, ci sono alimenti che, al pari dell’acqua, sono indispensabili alla salute.

Sono la frutta e a verdura.

Consumate regolarmente e nelle giuste quantità garantiscono al corpo le quantità di vitamine, Sali minerali e fibre necessarie al giusto funzionamento dei processi chimici che ci garantiscono la salute.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda il consumo di 5 CINQUE porzioni quotidiane tra frutta e verdura.

Cinque mi sono sempre sembrate tantissime, tanto che raramente riesco a rispettare questo consiglio.

In più mi sono reso conto che la qualità dei cibi che consumiamo è sempre più bassa.

Durante un corso, circa 15 anni fa, parlando di alimentazione legata alla postura, il docente ha fatto un’osservazione che ha decisamente cambiato la mia consapevolezza al riguardo dell’alimentazione.

Ci ha mostrato un esame organolettico (che mostra tutti i componenti) di una mela.

In realtà gli esami erano due, uno effettuato nella prima metà del secolo scorso, l’altro nei primi anni di questo.

Il risultato era incredibile, se ci si fosse basati solo sui costituenti e non sulla forma e colore avremmo concluso di essere in presenza di due frutti diversi!!

Questo perché lo sfruttamento intensivo di coltivazioni e la scarsa maturazione ha via via privato frutta e verdura degli elementi nutritivi.

Chi di noi non ha notato lo scarso sapore che spesso ha frutta e verdura? Il sapore riflette il contenuto.

Siamo quindi sicuri che anche rispettando le 5 porzioni consigliate riusciremmo ad introdurre ciò che ci serve?

Come possiamo sopperire a queste carenze? La ricerca di prodotti di alta qualità è necessaria e se poi, come me, decidi di integrare, la ricerca deve essere ancora più attenta.

Se , anche tu, vuoi prenderti davvero cura di te stesso, nei prossimi articoli e nelle prossime settimane condividerò la mia esperienza.

Stare bene si può!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.